Menu

+39 06 92939130

antifraudportal@senapa.eu

Documenti - Parte Generale

HomeIdentityCrimeDocumenti - Parte Generale
HomeIdentityCrimeDocumenti - Parte Generale

Documenti
Parte Generale


Tutti i documenti d’identità nazionali per cui è stato previsto un uso anche all’estero sono compilati, in ossequio agli standard fissati dall’ISO, in caratteri latini oltreché nei caratteri dell’alfabeto locale. Purtroppo la traslitterazione è talvolta operata arbitrariamente, ovvero sulla base di regole che nel tempo vengono interpretate in maniera diversa da un luogo all’altro anche all’interno della stessa nazione, generando ambiguità nell’identificazione del soggetto che potrebbe essere titolare di diversi documenti, tutti riportanti dati diversi.

Una casualità in cui è molto facile imbattersi in Italia si ha con gli Stati dell’Europa dell’est che utilizzano l’alfabeto cirillico.

Le traslitterazioni sono effettuate secondo la norma ISO 9, che purtroppo ha ancora troppe varianti (1968 – 1986 – 1995, sub-standard 1 e sub-standard 2) in uso per poter esser definita “standard”.

Per fare un esempio noto a tutti, così viene traslitterato il nome dell’ex presidente dell’URSS Michail Gorbaciov:

 

Михаил Горбачёв

grafema russo

Mikhail Gorbachev

traslitterazione anglo-sassone

Mihail Gorbačëv

traslitterazione ISO 9/R:1995

Michail Gorbaciof

traslitterazione fonetica italiana

 
Gli esempi di cui alle immagini seguenti aiuteranno meglio a comprendere la situazione:


traslitterazione documenti e1485422030430


Nella parte superiore dell’immagine possiamo vedere la traslitterazione di un passaporto ucraino rilasciato nel 2010, operata seguendo la norma ISO/R 9:1968. L’immagine subito sottostante invece rappresenta la patente di guida dello stesso soggetto, rilasciata nel 1995. Il grafema del nome in caratteri cirillici è lo stesso mentre la traslitterazione, che all’epoca era operata seguendo le norme dettate dalla regola anglosassone/scientifica è molto differente. Nella parte inferiore si può leggere il patronimico del titolare, che nel documento in questione non è tradotto.

traslitterazione libretti e1485422125396


Nelle immagini soprastanti troviamo un tipico caso di equivocità, dovuto allo scarso rigore della norma ISO 9. Le due carte di circolazione ucraine sono intestate alla medesima persona ma la traslitterazione dal cirillico al latino è stata operata con diverso criterio. Ciò è dovuto alle possibilità concesse dai sub standard 1 e 2 cui si riferiscono rispettivamente la prima e la seconda immagine, che prevedono che la lettera Я possa essere traslitterata sia come JA (sub.1), sia come YA (sub.2).

traslitterazione passaporti russi e1485422186838


Nell’immagine soprastante, due passaporti russi di persone con lo stesso cognome. Si noti come, nonostante l’identica scrittura in caratteri cirillici, il grafema cirillico “KC” è stato tradotto nel primo caso “KS”, eseguendo una traslitterazione “letterale” basata sui singoli caratteri, mentre nel secondo è stato tradotto “X”, basandosi sul fonema derivato dalla lettura dei due caratteri in successione.

Poiché gli alfabeti cirillici variano sostanzialmente di nazione in nazione, anche l’UE emette i provvedimenti destinati ai cittadini di quei Paesi nelle varie forme con alfabeto locale, nonché nelle possibili traslitterazioni in caratteri latini. Ad esempio, le restrizioni a carico del Presidente della Repubblica di Bielorussia, conosciuto dalle testate giornalistiche italiane come Lukašenko Aleksandr sono stati diramati anche a carico di:

 

Лукашэнка Аляксандр Рыгоравiч

grafema bielorusso

Лукашенко Александр Григорьевич

grafema russo

Lukashenka Aliaksandr Ryhoravich

traslitterazione ISO dal bielorusso

Lukashenko Aleksandr Grigorievich

traslitterazione ISO dal russo

 

Quattro grafie che identificano la stessa persona e che potrebbero essere riportate sui suoi documenti di viaggio.
Un altro fenomeno frequente è quello dei soggetti che posseggono una doppia cittadinanza.

In Bulgaria, a metà degli anni ’80, il regime comunista decise di imporre a tutti i musulmani con un nome turco o arabo una forzata conversione delle anagrafiche, che vennero tutte ricondotte alla forma bulgara. Non è così remota quindi la possibilità di controllare dei soggetti di etnia turca che sono titolari di doppia cittadinanza bulgara-turca, con i documenti delle rispettive nazioni riportanti nomi completamente diversi. Ad esempio, è possibile trovare un soggetto che sul documento turco si chiama “Yaşar” che nel documento bulgaro è stato tradotto letteralmente “Živko”.

Ulteriori norme a tutela dell’idioma nazionale sono state varate da altri Stati anche aderenti all’UE.

Recentemente la Lituania ha vietato l’uso delle lettere X-W-Q perché non presenti nel proprio alfabeto. Si è arrivati al paradosso che persone che si chiamavano GORIUX di cognome hanno avuto dei figli che sono stati registrati come GORIU KS.

L’ultimo, recente caso di cambio di regole di traslitterazione che ha coinvolto una comunità largamente presente in Italia è quello dei cittadini macedoni, i quali nel 2009 hanno adottato un nuovo tipo di passaporto che utilizza regole di traslitterazione diverse rispetto al precedente modello. Ciò ha causato una rilevante discrepanza tra le moltissime patenti e permessi di soggiorno in circolazione, su cui sono registrati dati anagrafici diversi da quelli riportati sul nuovo modello del passaporto.

Altre norme internazionali (non necessariamente ISO) hanno modificato il modo di traslitterare in caratteri latini i documenti scritti in arabo, cinese, giapponese e in tutte quelle lingue che hanno un alfabeto proprio, diverso da quello latino.

Si tenga sempre presente però che se la traduzione è operata manualmente, cioè senza l’impiego di un computer che utilizza un software dedicato all’uso e programmato con regole immutabili, potranno riscontrarsi variazioni anche rilevanti in situazioni omologhe.



APPROFONDIMENTI



Carta d’identità – Principi generali

Premettendo che i cittadini dell’Unione non possono essere considerati “stranieri” nell’accezione giuridica del termine, ai fini dell’ingresso in Italia, ogni cittadino dell’UE deve essere in possesso di determinati requisiti, ...
 

Carta d’identità – Lo Standard ICAO

Al pari dei passaporti, l’I.C.A.O. (International Civil Aviation Organization) ha richiesto a tutti i Paesi del mondo di adottare degli standard nell’emissione delle carte d’identità, sempre più spesso impiegate come documenti di viaggio in alternativa al passaporto tra quei paesi legati da particolari vincoli di amicizia. ...
 

Passaporto – Principi generali

Il passaporto è il principale documento di viaggio, emesso da tutti gli Stati del mondo. Il nome specifico di "passaporto" è abbastanza recente e deriva dal nome dei salvacondotti e delle lettere rilasciate in tempi antichi alle navi ...
leggi tutto
 
leggi tutto
 
leggi tutto

Passaporto – Lo Standard ICAO

Al pari delle carte d’identità, l’I.C.A.O. (International Civil Aviation Organization) ha richiesto a tutti i Paesi del mondo di adottare degli standard nell’emissione dei passaporti. Quasi tutte le nazioni, anche le più povere, hanno emesso dei documenti conformi agli standard ISO/IEC 7501-1:2008 e ISO/IEC 7810:2003  ...
 

I Codici ICAO delle Nazioni

I Codici ICAO delle Nazioni Su tutti i documenti d’identità moderni, siano essi passaporti o carte d’identità, è possibile desumere la nazione che rilascia il documento e la cittadinanza del titolare dal codice di tre lettere riportato nella zona a lettura ottica ...
 

Documenti Equipollenti al Passaporto

Documenti Equipollenti al Passaporto Poiché esiste in concreto la possibilità che un soggetto non possa munirsi del passaporto nazionale, il Ministero degli Affari Esteri, ai fini dell’ingresso in Italia, considera equipollenti al passaporto i seguenti documenti ...
leggi tutto
 
leggi tutto
 
leggi tutto

Il Visto Schengen

Il Visto Schengen Il visto è un documento in formato di sticker adesivo apposto dalle autorità consolari, attestante che il titolare ha presentato idonee garanzie per fare ingresso nello Stato (o comunque in un’area comune, come Schengen) che lo ha rilasciato. ...
 

Il Patronimico

In Italia non vi è difficoltà alcuna a identificare univocamente una persona, senza cioè aver necessità, salvo in casi estremi, di ricercarne gli ascendenti (padre/madre). Questo perché i cognomi sono l’eredità di un’usanza medievale derivata dalla registrazione della persona ...
 

Nome del coniuge e Declinazioni

In moltissimi Stati del mondo le donne (ma anche gli uomini) sposate assumono il cognome del coniuge e le figlie, da nubili, quello del padre. Altrettanto spesso a questo cognome si aggiunge una desinenza, ovvero le varie parti che compongono il nome completo sono declinate secondo standard riconosciuti ...
leggi tutto
 
leggi tutto
 
leggi tutto
  

Titoli onorifici e altre peculiarità

In alcune parti del mondo è d’uso riportare i titoli onorifici o di studio conseguiti dal titolare sui documenti. Nel mondo arabo è comune “Hajji”, che identifica una persona che ha effettuato il pellegrinaggio rituale alla Mecca. ...
  
  
leggi tutto
  
All for Joomla All for Webmasters